La Mia Storia

Il mio cammino nel mondo delle discipline olistiche, inizia nel 1994 con la Lotus Shiastu School, durata 4 anni poi ho proseguito con altri corsi, seminari(che troverete nel mio curriculum), nel 2005 sono diventata naturopata.
Nel 2000 ho aperto un centro chiamato Non Ti Scordar Di TE dove svolgo la mia attività, e nel 2009 all'interno ho aperto un piccolo punto di prodotti naturali denominato Muladhara.
In tutti questi anni in tanti mi hanno chiesto come mi sono avvicinata a questo mondo, qual'è stato il mio cammino il mio percorso: e così ho deciso di raccontare in breve la mia storia, partendo da lontano. La mia infanzia è stata costellata da un grandissimo lutto, all'età di sette anni ho perso la mia adorata mamma a causa di una malattia, lasciando una ferita che non si è più rimarginata, il tempo ha addolcito un po' questa ferita, ma il vuoto dentro è rimasto.
Poco più ventenne mi sono sposata per costruirmi una famiglia e per colmare quel vuoto ma l'unione è fallita.
Nel 1994 mi sono rivolta dopo la separazione alla "casa delle donne per non subire violenza", e da lì è partito il mio meraviglioso cammino.
Ho iniziato con dei colloqui personali, poi con dei gruppi improntati sull'autostima: nell'ultimo incontro l'operatrice che conduceva gli incontri, ha chiesto ad ognuno di noi finito quel percorso cosa avremmo fatto quale percorso avremmo intrapreso.
Quando ha posto a me questa domanda ho espresso il desiderio di poter fare un lavoro di aiuto agli altri in modo che la mia esperienza, non andasse perduta.
Una signora che partecipava a quei incontri, mi ha invitato ad andare ad assistere a incontro gratuito che si teneva da lì a poco sullo shiatsu e sull'inizio della scuola, sua figlia era al terzo anno ed era entusiasta.
Sono andata alla serata premettendo che non ne sapevo niente di che cosa era lo Shiastu e tutto il mondo che lo circonda, e da allora non mi sono più fermata.
Questi incontri si chiamavano non ti scordare di tè.
Sono stati anni intensi di studio, molto belli ricchi di esperienza, di amore, di risate, di gioia per ogni piccolo successo: ma soprattutto è stato un lungo cammino dentro di me.
Ho imparato che tutto nasce da dentro di noi, siamo noi che possiamo cambiare, che quello che ci succede non è legato alla sfortuna: ma è un cammino che dobbiamo intraprendere per poter crescere, e imparare che dietro ogni esperienza c'è un significato un perché.
In tutti questi anni, cambiando il mio atteggiamento verso la mia vita, verso gli altri, mi sono arricchita di tanto amore, nonostante che sia stata a volte circondata da persone invidiose, gelose che mi hanno fatto del male, in realtà il male se lo sono fatte verso se stesse, perché sono sentimenti che ti avvelenano la vita e non ti fanno crescere; ma portano alla solitudine.
Crescendo e maturando, ho avuto la possibilità di incontrare sul mio cammino una splendida persona, che mi ha accompagnato in questo percorso, standomi sempre vicino con il suo amore: il mio compagno che pensate l'ho conosciuto proprio l'anno in cui ho iniziato la scuola di shiastu.
Una creatura meravigliosa, che mi ha sempre sostenuta, e aiutata, e nel 2006 la nostra unione è stata coronata dall'arrivo della nostra bambina, a lungo desiderata, voluta con tutto, il nostro amore.
La mia bimba è arrivata, dopo un aborto interno, ma non abbiamo mai perso la speranza, ed è arrivata.
Cerco di trasmettere alle persone che si rivolgono a me, l'amore verso la vita e, se stessi, verso il mio lavoro, di aiutarle verso il cambiamento che deve partire da dentro, solo così le cose possono cambiare, perché il dolore fisico è un campanello ci sta dicendo che c'è qualcosa che non va, perché il principio di queste discipline è proprio che la mente e il fisico è tutt'uno.
Auguro a tutti di poter intraprendere il proprio percorso cambiando gli atteggiamenti che avvelenano la vita, e dalle esperienze di trarne un'insegnamento, di aprirsi all'amore.
In ultimo, vorrei ringraziare tutte le persone che sono venute da me in questi anni, sostenendomi, con la loro stima, e il loro affetto, sono talmente in tanti che non riesco, citarle ad uno ad uno allora li avvolgo in un caldo abbraccio.
Ringrazio mio marito e mia figlia, per l'amore che ogni giorno mi danno, mia sorella per essere sempre al fianco sopportandomi pazientemente.
Infine un grazie a mio padre che mi ha dato la vita, e mi ha insegnato a lottare e non arrendermi mai.
Qui sotto allego dei versi con l'augurio che possiate anche voi un intraprendere un nuovo viaggio.

State per intraprendere un viaggio.
E' un viaggio attraverso gli strati del vostro io.
E' un viaggio attraverso la vostra vita.
E' viaggio attraverso i mondi che ci circondano
Comincia qua, nel vostro corpo.
Comincia adesso, ovunque voi siate.
E' la vostra ricerca personale